Bambini e persone che leggono ai cani : benefici

Bambini e persone che leggono ai cani : benefici

Bambini e persone che leggono ai cani : quali benefici per il lettore e per l’ascoltatore?

Bambini che leggono ai cani : The Shelter Buddies Reading Program

Nel 2016, la Humane Society of Missouri, lancia il suo progetto “The Shelter Buddies Reading Program“. Il progetto nasce con l’obiettivo di aiutare i cani più timidi a sentirsi a proprio agio con le persone, preparandoli ad una futura adozione. I protagonisti dell’iniziativa sono i cani di un canile e dei bambini tra i 6 e i 15 anni.

L’idea è quella di far avvicinare alla parte anteriore del box i cani che tendono a rannicchiarsi nell’angolo posteriore per paura o timidezza. In che modo? Facendo leggere ai bambini dei libri.

I cani che si avvicinano nella parte frontale del box infatti, hanno più visibilità e sono valutati dagli adottanti come più socievoli. Vengono quindi adottati più rapidamente, riducendo la durata media della loro permanenza in canile.

Per i giovani lettori invece, il programma di lettura ai cani, aiuta a favorire la compassione e l’empatia. Fornisce al tempo stesso un ambiente di supporto in cui sviluppare le proprie capacità di lettura.

Ma andiamo più a fondo.

La ricerca ha dimostrato che la lettura ai cani ha un impatto positivo sia sugli animali che sui bambini che interagiscono con loro.

Ecco alcune statistiche da considerare :

  • I bambini che leggono ad alta voce ai cani per 10-15 minuti a settimana aumentano del 12% la loro competenza di lettura. (Studio della Davis dell’università della California);
  • I bambini che avevano riferito di sentirsi goffi e nervosi nella lettura a voce alta con i propri compagni, riferiscono di sentirsi felici e sicuri durante la lettura ai cani. (Studio della Davis dell’università della California);
  • La ricerca stima che oltre il 70% dei bambini di tutte le età parlano e si confidano con gli animali (TherapyAnimals.org);
  • I bambini che hanno preso parte al programma per 13 mesi, aumentano il loro livello di competenza di lettura di almeno due livelli di valutazione. (TherapyAnimals.org);
  • Nei bambini che hanno difficoltà a relazionarsi con altre persone è stata riscontrata una maggiore fiducia in se stessi. Nasce a contatto con gli animali e viene poi trasferita anche nei confronti delle altre persone. (WebMD);
  • La lettura aiuta i cani timidi a sentirsi a proprio agio poiché non c’è un interazione forzata o diretta nei loro confronti. (ASPCA.org);

La lettura ai cani nei percorsi con L’Educatore Cinofilo

Personalmente ho inserito più volte questo potente strumento nelle famiglie che mi sono trovata a seguire e ad aiutare.

La prima volta che l’ho utilizzato in realtà è stato con un ragazzo adolescente che aveva grandi conflitti con il cane di famiglia appena adottato. Su consiglio del mio caro amico e mentore Giuseppe Luscia, abbiamo inserito momenti di studio ad alta voce in cui ho fatto sedere il ragazzo a terra accanto al cane, separati da un cancelletto. Questo ha fatto sì che il cane riuscisse a vivere momenti di calma e di relax modulati dalla voce del ragazzo che, da parte sua, acquisiva sicurezza nel rapportarsi con il cane. Il tutto senza mai forzare le interazioni da nessuna delle parti in causa.

L’ho poi inserito spesso nei percorsi in cui in famiglia erano presenti dei bambini, come attività “ricreativa” che comprendesse degli stati emotivi medio-bassi per tutti (cani, specialmente se cuccioli e bambini). Questo ci ha permesso di creare interazioni più attente e tranquille da parte dei bambini nei confronti del cane e un maggiore rispetto degli spazi personali tra cane e bambino. Ci ha inoltre consentito di vivere il proprio cane come compagno di attività e studio da parte dei bambini e di allenare gli stati di calma nel cucciolo. Le famiglie che hanno sperimentato questo tipo di attività, hanno poi, autonomamente, mantenuto questo momento di lettura come abitudine quotidiana (spesso della sera) da condividere tutti insieme.

Ho infine riscontrato dei buoni progressi anche nei soggetti che avevano grandi difficoltà a salire in auto. Piccoli momenti quotidiani in cui, prima accanto all’auto aperta, poi all’interno della vettura, ci siamo ritagliati momenti di lettura. Questo ci ha permesso di cambiare la rappresentazione negativa che il cane associava all’auto oltre a portare lo stato emotivo del soggetto ad un livello più consono alla difficoltà da affrontare.

La lettura ai cani nei canili

La lettura ai cani si è rivelata uno strumento utile anche all’interno di percorsi progettati in canile. In primis con cani particolarmente timidi o paurosi nei confronti delle persone (anche dell’Operatore/Educatore di riferimento). Sedersi a terra all’interno del box, consente al cane di familiarizzare con la voce e con la presenza della persona, senza mai forzare l’interazione diretta. E’ stato riscontrato un avvicinamento progressivo e spontaneo da parte del cane verso la persona dopo qualche seduta di lettura e una curiosità crescente nel momento di ingresso al box. Inoltre ha permesso di aprire i primi canali di comunicazione e fiducia verso la persona che si occupava dell’attività di lettura.

Abbiamo riscontrato benefici anche con cani che presentano spesso livelli di Arousal medio-alti. Dedicare dei momenti di attività di lettura all’interno del box o all’interno delle aree in cui è possibile sgambare, ha portato ad una maggiore competenza di gestione degli stati emozionali dei soggetti e di una più prolungata capacità di attività di calma e benessere, oltre ad un incremento di attitudine all’ascolto e alla condivisione da parte del cane nei confronti della persona.

Infine abbiamo potuto notare qualche significativo progresso anche in cani che presentano comportamenti di tipo aggressivo. Sedersi all’esterno del box, ad una distanza adeguata in funzione delle caratteristiche del soggetto, può aiutare a familiarizzare con la persona e a guidare il cane, attraverso la voce, ad uno stato più consapevole e meno reattivo verso l’ambiente e verso la situazione del momento stesso.

Leggere ai cani : solo nei percorsi?

Personalmente dico NO. Io amo leggere e spesso i miei cani vengono spontaneamente accanto a me, a quel punto inizio a leggere ad alta voce e a condividere con loro un momento familiare piacevole per tutti.

Avete mai provato a leggere ai vostri cani?

Hai un canile e ti piacerebbe inserire il progetto di lettura ai cani? Contattami! Sarò felice di presentarti il progetto che ho preparato sulle basi di “The Shelter Buddies Reading Program”.

Silvia De Cristofaro

Istruttore Cinofilo, formato in Riabilitazione Cognitivo-Comportamentale e in Classi di Socializzazione® e conduzione dei gruppi. Mi occupo di Percorsi di Educazione e di Riabilitazione Comportamentale; Problemi legati alla Socializzazione; Attività Olfattive e Ricerca Persone; Dog Dance; Cuccioli e percorsi Puppy Class; Zooantropologia Didattica con progetti nelle scuole materne ed elementari.

LASCIA UN COMMENTO